Assegno divorzile famiglia di fatto. La nuova convivenza determina la perdita dell’assegno divorzile.

Assegno divorzile famiglia di fatto . La formazione di una nuova famiglia di fatto da parte del coniuge divorziato, determina la perdita definitiva dell’assegno divorzile, ed anche qualora il nuovo legame si interrompesse, l’assegno non sarà più dovuto. Attraverso la recentissima sentenza – Cass. Civ., sent. n. 18111 del 21 luglio 2017 –  la Suprema

L’aumento del reddito dell’ex marito, non determina in maniera automatica l’aumento dell’ assegno divorzile.

Aumento del reddito dell’ex marito: Attraverso le modifiche apportate in materia di assegno divorzile,  sancite dalle ultime sentenze della Cassazione tra cui: Cass. sent. 11504/17 del 10.05.2017, qualora il reddito del marito dovesse essere soggetto ad aumenti, tale incremento non produrrà di per se l’aumento dell’assegno di mantenimento che l’ex moglie percepisce. Il tenore della

Assegno Divorzile Pensione : Niente Assegno se l’Ex va in Pensione!

Assegno divorzile pensione : La sentenza n. 11504 del 2017, non senza polemiche, ha davvero rivoluzionato  il criterio relativo ai parametri precedentemente adottati dal Giudice ai fini della corresponsione dell’assegno divorzile. In caso di divorzio il giudice, nel determinare l’assegno divorzile applica il criterio dell’autosufficienza economica del coniuge richiedente l’assegno, non più del tenore di vita

Divorzio nuova famiglia : Addio all’Assegno Divorzile anche Se…

Divorzio nuova famiglia : Tra i motivi di estinzione della corresponsione dell’assegno di mantenimento vi è il passaggio a nuove nozze del coniuge beneficiario. Oggigiorno, però, dopo il fallimento di un primo matrimonio, si tende sempre più a convivere con un nuovo compagno come coppia di fatto, piuttosto che convolare a nuove nozze. Giurisprudenza è

Revoca Assegno Divorzile: Addio Assegno Divorzile se…

Revoca assegno divorzile In sede di divorzio, il Giudice può disporre in favore del coniuge ritenuto, in quel momento, economicamente “più debole” la corresponsione dell’assegno divorzile la cui finalità è prettamente quella di assistenza e solidarietà in favore dello stesso. L’art. 5 della Legge 898/1970 fa riferimento alla mancanza di “mezzi adeguati” ed all’impossibilità di

Assegno Divorzile: Può essere Posto a Carico di un Disoccupato?

Assegno divorzile: può essere posto a carico del marito disoccupato, seppur la moglie lavori? La funzione dei provvedimenti diretti a regolare i rapporti economici tra ex prevedono la possibilità di adeguare l’ammontare del contributo al variare delle condizioni patrimoniali e reddituali dei coniugi, ed eventualmente, di modularne la misura. Nella fattispecie un uomo si era

Se Non Si Mostrano I Conti Sono Guai!

I giudici non possono “chiudere un occhio” se solo il marito produce i documenti bancari chiesti ad entrambi! Nella fattispecie un uomo è ricorso in Cassazione contro il decreto con cui la Corte d’Appello non aveva rivisto le condizioni economiche adottate in sede di divorzio. I giudici di merito avevano infatti deciso basandosi sui redditi

Bye-Bye Assegno Divorzile Se…

In sede di divorzio, il Giudice può disporre in favore del coniuge ritenuto economicamente “più debole” la corresponsione dell’assegno divorzile la cui finalità è prettamente quella di assistenza e solidarietà in favore dello stesso. L’art. 5 della Legge 898/1970, infatti, fa riferimento alla mancanza di “mezzi adeguati” ed all’impossibilità di “procurarseli per ragioni oggettive”, e

Assegno Divorzile anche se l’Ex Moglie Lavora Saltuariamente

In sede di divorzio, il Giudice, laddove richiesto, può confermare a carico di un coniuge la corresponsione dell’assegno di mantenimento a favore dell’altro, salvo sempre la facoltà di revisionare (aumentare o diminuire), in qualsiasi momento, il quantum dovuto alla luce dell’intervento di circostanze, situazioni e fatti nuovi. Posto che la funzione dell’assegno divorzile è quella

Stop all’Assegno di Divorzio se l’Ex coniuge Convive con un altro Partner

Chi l’ha detto che il coniuge obbligato a corrispondere mensilmente l’assegno di mantenimento o divorzile alla ex moglie, lo debba fare necessariamente ed irrimediabilmente per tutta la vita? L’orientamento maggioritario della giurisprudenza (sia di merito che di legittimità) è oramai concorde nel sostenere che sia l’assegno di mantenimento che quello divorzile non spetta più al

E alle Volte anche alla Moglie Tocca Pagare il Mantenimento al Marito!

Anche se è poco frequente può capitare che il Tribunale stabilisca che debba essere l’ex moglie a dover corrispondere al marito l’assegno di mantenimento! La Cassazione, con sentenza 8716/2015, ha infatti stabilito che in caso di separazione o divorzio, se sussiste una forte disparità economica a favore della donna, la ex moglie è costretta a corrispondere al marito

Stop all’Assegno di Divorzio se l’Ex Coniuge si è Ricreato una Famiglia?

Una recente sentenza della Suprema Corte ha sdoganato le coppie di fatto e posto fine alla prassi di non risposarsi per non perdere l’assegno dell’ex! Nella fattispecie, un marito obbligato a versare alla propria ex moglie l’assegno di divorzio, nonostante quest’ultima avesse creato una famiglia con un altro uomo, è ricorso contro la sentenza dei

ARCHIVIO per CATEGORIE Ultimi POST