La Riconciliazione dei Coniugi Dopo la Separazione

Non è raro che, nonostante estenuanti e lunghe battaglie, i coniugi separati, a distanza di anni, decidano di ripristinare il vincolo coniugale precedentemente incrinatosi. L’istituto della riconciliazione, prevista e disciplinata all’art. 157 del codice civile implica, di fatto, un ripristino del consorzio familiare attraverso la ricostituzione non solo della comunione materiale, ma anche di quell’unione

Nulle le Delibere che Stabiliscono Interessi Moratori per il Ritardo nel Pagamento delle Quote Condominiali

Sono nulle, e pertanto impugnabili in ogni momento, le delibere assembleari che stabiliscono interessi moratori laddove si siano verificati ritardi nel pagamento delle quote condominiali, trattandosi di statuizioni che non rientrano nei poteri dell’Assemblea. Con sentenza n. 10196 del 30 Aprile 2013, i Giudici della Suprema Corte, infatti, hanno rammentato che siffatte delibere devono ritenersi

Il Lavoro, seppur Precario, può far Venire meno l’Obbligo dell’Assegno di Mantenimento

Il lavoro, anche se precario, costituisce un miglioramento della condizione economica di una persona, se in precedenza questa era disoccupata. Su tale presupposto, la Suprema Corte, con l’ordinanza n. 9765/2013, ha rigettato il ricorso di un ex moglie, la quale, assumendo che fossero peggiorate le sue condizioni di salute, voleva ottenere un aumento dell’assegno di

Risarcimento per la Condomina che Scivola sui Calcinacci anche in Assenza di Testimoni

Accade non di rado che nei Condomìni, soprattutto nelle parti comuni quali scala e cortili, si verifichino infortuni a danno di inquilini e condomini. Recentemente la Corte di Cassazione con sentenza n. 9140 del 16 Aprile 2013 ha accolto, seppure parzialmente, il ricorso presentato da una donna caduta e infortunatasi a seguito del crollo di

Non c’è Addebito della Separazione in Caso di Relazione extraconiugale Online

La prima sezione civile della Cassazione, con la sentenza n. 8929/2013, ha ritenuto che lo scambio di mail di un coniuge con un estraneo non rende addebitabile la separazione, poiché tale relazione telematica non comporta infedeltà coniugale e non offende la dignità e l’onore dell’altro coniuge. Nel caso di specie, la moglie aveva intrattenuto una

In Caso di Vittima di Sinistro Stradale Non vi Può Essere un’ Uguale Liquidazione del Danno per Tutti i Familiari

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 9231 del 17.4.2013, ha cassato una sentenza in cui i giudici di merito avevano liquidato in egual misura il risarcimento del danno spettante alla moglie e ai figli di un uomo rimasto vittima di un incidente stradale. Prendendo in esame l’intera vicenda, la Suprema Corte ha stabilito che

Revoca dell’Assegno Mantenimento al Figlio Maggiorenne che Rifiuta Senza Giustificato Motivo Offerte di Lavoro

In sede di separazione o divorzio dei coniugi, ai sensi dell’art. 155 quinques del codice civile, il Giudice può disporre la corresponsione dell’assegno di mantenimento oltre che al coniuge e ai figli minorenni, anche ai figli che hanno già raggiunto la maggiore età. In questo ultimo caso, ai fini del versamento di tale assegno periodico,

L’Ex Convivente Non può Essere Allontanato dall’Abitazione Senza Congruo Preavviso.

Sempre più, nelle aule giudiziarie italiane, i Giudici si sono interessati alle problematiche derivanti dalla fine delle relazioni more uxorio aventi spesso carattere patrimoniale ma non solo. In particolare, sono molte le sentenze in cui la Cassazione si è occupata di legittimare alcuni effetti derivanti dalle unioni non fondate sul matrimonio, con importanti riflessi non

L’Affidamento dell’Animale Domestico in Caso di Separazione

I nostri amici a quattro zampe stanno acquistando un ruolo di sempre maggiore importanza nelle cause tra coniugi, infatti spesso il Giudice nelle sentenze di divorzio o separazione si pronuncia anche sulla sorte dell’animale. Ma a chi spetta l’affidamento del cane o del gatto quando le coppie scoppiano? La valutazione avviene caso per caso. Innanzitutto

Furto dai Ponteggi: per il Risarcimento Danni si Valuta il Comportamento del Derubato

La Corte di Cassazione, con una decisione che si discosta dall’orientamento precedente, la n. 1890 depositata il 28 gennaio 2013, ha affermato che il condomino che subisce un furto in appartamento con l’ingresso dei ladri saliti dalle impalcature esterne non ha diritto al risarcimento se in assemblea ha votato anche lui per non dotare i ponteggi

Al Paziente Sottoposto a Intervento non Necessario Spetta il Risarcimento dei Danni Subiti

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6093 depositata il 19 febbraio 2013, ha affermato che al paziente spetta il risarcimento dei danni conseguenti ad un intervento chirurgico effettuato a seguito di una errata diagnosi di cancro. Il professionista, infatti, aveva programmato l’intervento di rimozione del tumore; ma, una volta in sala operatoria, aveva riscontrato

Tabelle Millesimali non più Necessarie per la Ripartizione delle Spese Condominiali

I Giudici di Piazza Cavour con sentenza n. 12471/2012 hanno decretato che per la formazione delle tabelle millesimali e per la relativa modifica non sia più necessaria la forma scritta ad substantiam e, pertanto, il criterio di ripartizione può essere desunto anche da fatti concludenti, come per esempio il costante pagamento per più anni delle

ARCHIVIO per CATEGORIE Ultimi POST