Mantenimento figlio maggiorenne: Il figlio che non dimostra la volontà di voler lavorare non ha diritto al mantenimento

Mantenimento figlio maggiorenne: Il figlio che non dimostra la volontà di voler lavorare non ha diritto al mantenimento

Mantenimento figlio maggiorenne: Il Tribunale di Cassino attraverso la sentenza n. 465 del 12 aprile 2018, si è espresso su un tema sempre all’ordine del giorno nei giudizi di separazione: mantenimento figlio maggiorenne. Il caso affrontato nelle aule giudiziarie del Tribunale di Cassino, vede protagonista un ragazzo ormai divenuto maggiorenne, che dopo aver scontato un

Separazione revoca assegno di mantenimento: Niente assegno di mantenimento all’ex giovane e laureata che non cerca lavoro.

Separazione revoca assegno di mantenimento: Niente assegno di mantenimento all’ex giovane e laureata che non cerca lavoro.

Separazione revoca assegno di mantenimento: La Corte di Cassazione attraverso la pronuncia n. 6886/2018, ha confermato la revoca dell’assegno di mantenimento all’ ex moglie giovane e laureata che non si impegna a carcare lavoro. Dopo la separazione, dunque per i Supremi Giudici della Cassazzione, la ex moglie separata, giovane, laureata e non affetta da malattie

Mantenimento Figlio Maggiorenne: Fino a quando i Genitori devono Mantenere i Figli?

Mantenimento figlio maggiorenne. Questo tema è oggi particolarmente sentito per la crisi economica e per la mancanza di lavoro che colpisce i nostri giovani. Il dovere al mantenimento del figlio maggiorenne è sancito dall’art. 147 del codice civile il quale prevede l’obbligo per entrambi i genitori di mantenere, istruire ed educare la prole tenendo conto

Facebook sul lavoro: si può Essere Sospesi dal Lavoro per Colpa di Facebook?

Facebook sul lavoro: i social network sono divenuti così influenti nella nostra vita che un semplice “mi piace” su Facebook può costare una sospensione dal lavoro? Nella fattispecie, il dipendente di un carcere aveva proposto ricorso contro la sospensione dal lavoro e dalla paga  per aver messo “mi piace” sul commento di un altro utente

Grava sul Dipendente la Prova del Licenziamento per Ritorsione

In materia di licenziamento, il lavoratore deve provare il carattere ritorsivo del licenziamento. Lo afferma la Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 14319 del 2013, ha respinto il ricorso di un lavoratore che aveva impugnato il licenziamento, sostenendone il carattere ritorsivo. La Suprema Corte ha precisato che il dipendente, che sosteneva il carattere ritorsivo

ARCHIVIO per CATEGORIE Ultimi POST