Perde il Mantenimento il Coniuge che ha una Nuova Famiglia?

Nel caso di specie, una moglie, nonostante avesse creato una nuova famiglia di fatto con un altro uomo, chiedeva all’ex un assegno di mantenimento che il Giudice di prime cure aveva fissato in € 500,00 mensili. L’uomo ricorreva contro la decisione ma la Corte d’appello di Venezia si limitava solo a ridurre tale assegno a

Affitti in Nero? Brutte Notizie per gli Inquilini!!

Era (è d’obbligo utilizzare il tempo passato) una prassi oramai consolidata che l’inquilino di un immobile “denunciasse” il proprietario dell’immobile andando, di propria iniziativa, a registrare il contratto d’affitto ”in nero”. Tale prassi avveniva non solo nei casi in cui il proprietario, per eludere il Fisco, non aveva provveduto alla registrazione del contratto entro il

Dimissioni della Moglie e Addebito della Separazione

Cisiamo soffermati diverse volte nei nostri precedenti blog sui casi in cui è possibile chiedere al coniuge che ha violato gli obblighi famigliari di fedeltà, assistenza morale e materiale e coabitazione, l’addebito della separazione. Si ribadisce che, ai fini dell’addebito, è necessario provare che la crisi coniugale sia ricollegabile esclusivamente ed inequivocabilmente al comportamento volontario

Ladri Troppo Bravi: non c’è Copertura Assicurativa per il Furto!

La vicenda sottoposta al vaglio della Corte di Cassazione è iniziata quando il proprietario di un’autovettura Mercedes Benz ha convenuto in giudizio l’autorimessa ove era avvenuto il furto della sua auto per sentirla condannare al risarcimento dei danni patiti a causa dell’omessa custodia. La compagnia assicuratrice dell’autorimessa, chiamata in causa dalla stessa, veniva condannata al

Passando il Semaforo con il Verde puoi stare Tranquillo anche in Caso di Incidente?

L’articolo 2054 comma 2 c.c. prevede che nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a causare il sinistro. In una fattispecie in cui recentemente si sono pronunciati gli Ermellini, il ricorrente sosteneva che la Corte d’Appello milanese non avrebbe preteso e quindi nemmeno

Niente Assegno di Mantenimento alla Moglie che Acquista una Nuova Auto di Lusso

È indubbio che l’aspetto più controverso e complesso da valutare in sede di separazione e, successivamente di divorzio, sia la condizione economica del coniuge (il più delle volte il marito) obbligato a corrispondere in favore del coniuge economicamente più debole (quasi sempre la moglie) l’assegno di mantenimento. Ai fini della corresponsione di tale assegno è

Il Riscaldamento Non si Tocca!

L’entrata in vigore della legge 220/2012 del 18.06.2013, più nota come Riforma del Condominio, recante le “Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici”, tra i vari aspetti affronta anche la questione dell’esclusione del condomino in ritardo con i pagamenti, di usufruire dei beni e dei servizi comuni. Nonostante la Riforma del Condominio lo consenta, l’Amministratore

Nessuna Modifica dell’Assegno Divorzile Se…

In sede di divorzio, il Giudice può disporre in favore del coniuge ritenuto economicamente “più debole” la corresponsione dell’assegno divorzile la cui finalità è prettamente quella di assistenza e solidarietà in favore dello stesso. L’art. 5 della Legge 898/1970 fa riferimento alla mancanza di “mezzi adeguati” ed all’impossibilità di “procurarseli per ragioni oggettive”, e soprattutto

Serve sempre l’Unanimità per la Modifica delle Tabelle Millesimali?

Le tabelle millesimali rappresentano le quote di proprietà in un condominio, espresse come rapporto tra l’unita’ immobiliare e l’intero edificio di cui essa fa parte, posto pari a 1000. Per modificare le tabelle millesimali di un condominio occorreva il consenso unanime dell’assemblea, circostanza praticamente impossibile da raggiungere, visto che la modifica avrebbe finito per danneggiare

ARCHIVIO per CATEGORIE Ultimi POST